News from the Locarno Festival
 

La vita in un tuffo nella psiche

La vita in un tuffo nella psiche

Share:

Il tuffo nei meandri della psiche diventa anche l’immersione nelle curve della propria esperienza. Sono confessioni che non possono non intrecciarsi, soprattutto se il protagonista di questo documentario è un padre della psichiatria contemporanea – a detta di molti, lo psicoterapeuta più influente degli Stati Uniti. Anche perché dall’alto dei suoi 83 anni, Irvin D. Yalom rimane figura carismatica e poliedrica.

Con i suoi best-sellers da scrittore ha bypassato ogni tipo di settorialità, raggiungendo le librerie di milioni di lettori. E non a caso, il ritratto Yalom’s Cure,che segna il ritorno a Locarno di una regista habituée del Festival come Sabine Gisiger, si affida alla stessa voce di Yalom per condurci passo a passo nei luoghi fisici e mentali del suo universo. Dal buon ritiro nella casa californiana di Palo Alto ai tanti altrove esistenziali.

Perché se la cornice del racconto viene classicamente scandita tra memorie in prima persona e materiali d’archivio, è nel rapporto profondo tra le vicende della propria biografia e la messa a fuoco delle evoluzioni psichiche che i fatti quotidiani s’illuminano dei riverberi della vita spirituale. Dalla crescita senza vera infanzia in una famiglia povera alla passione per lo studio, passando per lutti e vicende familiari che portano in campo anche mogli-complici e figli dai destini differenti. In altre parole, i cambiamenti nella vita dell’uomo che, attraverso la terapia e il dialogo, ha cambiato la vita a molte persone.      

Lorenzo Buccella
Nützliche Links

More info

Jobs
Contacts

Follow us