News from the Locarno Festival
 

Ricordando Harun Farocki

Ricordando Harun Farocki

Share:

© Festival del film Locarno

All’età di 70 anni è morto Harun Farocki, il grande cineasta e video-artista tedesco che con una vasta e prolifica filmografia (oltre 90 opere) è riuscito a incidere la realtà, interpretandola alla luce del suo sguardo lucido e libero da compromessi.

La pratica di un cinema, il suo, innervato dallo spessore di una continua riflessione estetica e politica, che ha trovato il suo contraltare fisico e concreto in un confronto diretto con le immagini dell’esistenza quotidiana e con i meccanismi del lavoro contemporaneo.

Ne sono stati esempi portanti anche i molti film che Harun Farocki ha presentato al Festival del film Locarno nel corso degli anni. Da Arbeiter verlassen die Fabrik (1996) a Stilleben (1997), fino ad arrivare alla grande retrospettiva “Encyclopédie Farocki” che nel 1998 ha raccolto e sventagliato un intero arco della sua produzione.

Nato nel 1944 a Nový Jičín, un angolo della Repubblica Ceca, a quel tempo appartenente alla Germania, dopo gli studi presso l'Accademia Tedesca di Cinema e Televisione, Farocki è diventato ben presto un punto di riferimento riconosciuto nel campo della documentaristica più sperimentale.

Documentario, quello del regista tedesco, inteso come una forma e uno stile, in grado di porsi come un baluardo critico nei confronti della sofisticata superficialità dei mezzi di comunicazione e in particolare, nei confronti della modalità ideologiche con cui il mondo di oggi veicola le immagini.

Dal Nicht ohne Risiko del capitalismo finanziario dove il lavoro materiale svapora e diventa immateriale fino al mondo delle simulazioni praticate durante le esercitazioni militari che in Erkennen und verfolgen si trasformano nell’immagine “attuale” della guerra.

Una vera e propria resistenza visiva che, proprio perché non si è mai fermata sulla soglia della semplice testimonianza, è riuscita a percorrere, squarcio dopo squarcio, quei gangli sensibili della realtà in cui ha preso corpo la contemporaneità.

In anni recenti, al suo lavoro di regista, Farocki aveva affiancato un’attività di scrittura per i lavori di Christian Petzold. La loro ultima collaborazione, Phoenix, sarà mostrata al Festival di Toronto.

Lorenzo Buccella
Liens utiles

More info

Jobs
Contacts

Follow us