News from the Locarno Festival
 

La rivoluzione dell’ultima chance

La rivoluzione dell’ultima chance

Share:

C’è qualcosa di nuovo a Fortaleza. Sulle onde corte della clandestinità si diffonde una trasmissione radio rivoluzionaria. Le frequenze tradizionali vengono invase da un nervoso tsunami di parole, provocazioni, citazioni, impulsi sonori. Eugenio, Joaquim e João hanno le idee chiare: la società borghese e capitalista viene attaccata alle fondamenta. Nulla deve mancare all’appello, anche se «I figli dell’anarchia non hanno padri»: Godard, Carpenter, Blonde Redhead, Barry Guy New Orchestra, Joyce, Artaud, la Resistenza italiana, la Guerra Civile spagnola. Lentamente l’azione si sposta nelle strade e le notti di Fortaleza diventano molto movimentate. La città ci mette poco a reagire e Franco, un malvivente locale, scatena la caccia. Ma in aiuto dei tre rivoluzionari arriva Salomé, bellissima e misteriosa, e alla rivoluzione si aggiunge l’amore. Quarto film del trio formato da Luiz Pretti, Pedro Diógenes e Ricardo Pretti, Com os Punhos Cerrados esplora con estrema ironia un’idea filmica potente e seria: inventare un’immagine completamente acustica in grado di dare un’ultima malinconica chance alla rivoluzione. Imperdibili i quasi dieci minuti di nero su free jazz. L’abisso del nuovo mondo.

Lorenzo Esposito
Liens utiles

Follow us