News from the Locarno Festival
 

La leggenda delle tigri perdute

Tres tristes tigres – Histoire(s) du cinéma: Locarno70

La leggenda delle tigri perdute

Share:

© Collection Cinémathèque suisse. Tous droits réservés.

Alcuni film hanno una vita avventurosa. Il Pardo d’oro del 1969, Tres tristes tigres, film d’esordio di Raúl Ruiz, è uno di questi.

Uscito in Cile nel 1968, il film racconta la storia di Tito, arrivato dalla campagna in cerca di fortuna a Santiago dove trova lavoro come venditore d’automobili. Durante un fine settimana si incontra con sua sorella Amanda, spogliarellista e prostituta all’insaputa del fratello, e vagano per i bar della città. Nel loro errare incontrano Lucho, un professore che si aggrega a loro nella ricerca di una effimera felicità che non arriverà mai.

Crudo spaccato della società cilena dell’epoca, Tres tristes tigres non ebbe un particolare successo di pubblico all’uscita in patria, né fu accolto dalla critica con clamore. Ma alla giuria di Locarno del 1969 piacque molto, per fortuna, consacrando quello che sarebbe poi diventato un grande cineasta.

E l’avventura? È presto detto. Nel 1973, con l’ascesa al potere del dittatore Pinochet, Ruiz va in esilio, e della pellicola si perdono le tracce e comincia la sua leggenda, che si compie quando nel 1993 ne viene ritrovata una copia casualmente nella Cinemateca Uruguaya. Il film viene restaurato e proiettato come evento speciale al Festival Internacional de Cine de Viña del Mar. E dopo 48 anni il cerchio si chiude con il ritorno a Locarno.

Alessandro De Simone
Liens utiles

Follow us