Vision Award Ticinomoda

Claire Atherton, Vision Award Ticinomoda 2019

Condividi:

José Luis Alcaine, Vision Award 2017

Condividi:

Howard Shore, Vision Award 2016

Condividi:

Walter Murch, Vision Award 2015, mentre lavora a “Apocalypse Now” nel 1979

Condividi:

Garrett Brown, Vision Award 2014

Condividi:

© Festival del film Locarno

Douglas Trumbull, Vision Award 2013

Condividi:

© Festival del film Locarno
Previous Next

Vision Award Ticinomoda a Claire Atherton

Quando si pensa all’arte del montaggio, spesso la si collega all’idea che il cinema sia la vita senza i tempi morti. Eppure scegliere il taglio per ogni inquadratura ha a che fare con altro, con il rapporto che si vuole istituire con lo spettatore. È all’interno di questa dinamica che il lavoro operato da Claire Atherton – fuori e dentro la filmografia di Chantal Akerman – è di fondamentale importanza per il cinema contemporaneo: ha dato vita a una linea di film in cui la percezione dello scorrere del tempo diventa fondamentale nell’architettura estetica (ed etica) del lavoro.

Non stupisce che Claire Atherton, nata a San Francisco ma ormai residente a Parigi, sia partita dalla fascinazione per la filosofia taoista e dallo studio degli ideogrammi cinesi, per poi avvicinarsi gradualmente al montaggio, iniziando la sua collaborazione trentennale con Chantal Akerman grazie a Letters Home (1986). Da quel momento le due hanno portato avanti un sodalizio, capace di spaziare dal cinema documentario a quello di finzione, ma soprattutto di intercettare l’arte contemporanea lavorando a nuovi progetti (o rimontando vecchi film), dando vita a una nuova percezione dell’immagine in movimento. Su questa linea, di ricerca e di continua sperimentazione, si basano tutte le scelte della montatrice, che ha sostenuto gli sguardi rigorosi di autori fuori dai canoni come Éric Baudelaire, Emmanuelle Demoris, Elsa Quinette, Noëlle Pujol e Andreas Bolm. Senza la preoccupazione di far emergere dei significati, l’arte di Claire Atherton ha illuminato di nuovo senso il tempo cinematografico.

Daniela Persico

 

Il Vision Award Ticinomoda intende omaggiare e valorizzare personalità che, con il loro lavoro dietro le quinte e le loro creazioni, hanno contribuito ad allargare gli orizzonti del cinema. 
Dopo il premio conferito nel 2013 al mago degli effetti speciali Douglas Trumbull, la 67a edizione ha reso omaggio a Garrett Brown, creatore della Steadicam®, e nel 2015 si è invece celebrato Walter Murch, montatore e sound designer vincitore di ben 3 premi Oscar. Nel 2016, il Festival ha reso omaggio al grande compositore e direttore d'orchestra canadese Howard Shore, nel 2017 al Direttore della fotografia spagnolo José Luis Alcaine, mentre 2018 è stato omaggiato il graphic designer statunitense Kyle Cooper.

Tutti i premiati:

  • 2013 Douglas Trumbull
  • 2014 Garrett Brown
  • 2015 Walter Murch
  • 2016 Howard Shore
  • 2017 José Luis Alcaine
  • 2018 Kyle Cooper
  • 2019 Claire Atherton

 

Follow us