News del Locarno Festival
 

Universo Titanus

Universo Titanus

Condividi:

Universo Titanus

Condividi:

Universo Titanus

Condividi:

Universo Titanus

Condividi:

Universo Titanus

Condividi:

Universo Titanus

Condividi:

Universo Titanus

Condividi:

Universo Titanus

Condividi:

Universo Titanus

Condividi:

Universo Titanus

Condividi:

Universo Titanus

Condividi:

Universo Titanus

Condividi:

Universo Titanus

Condividi:

Universo Titanus

Condividi:

Universo Titanus

Condividi:

Universo Titanus

Condividi:

Universo Titanus

Condividi:

Universo Titanus

Condividi:

Universo Titanus

Condividi:

Universo Titanus

Condividi:

Universo Titanus

Condividi:

Universo Titanus

Condividi:

Universo Titanus

Condividi:

Universo Titanus

Condividi:

Universo Titanus

Condividi:

Universo Titanus

Condividi:

Universo Titanus

Condividi:

Universo Titanus

Condividi:

Universo Titanus

Condividi:

Universo Titanus

Condividi:

Universo Titanus

Condividi:

Universo Titanus

Condividi:

Universo Titanus

Condividi:

Universo Titanus

Condividi:

Universo Titanus

Condividi:

Universo Titanus

Condividi:

Universo Titanus

Condividi:

Universo Titanus

Condividi:

Universo Titanus

Condividi:

Universo Titanus

Condividi:

Previous Next

Titanus. Cronaca familiare del cinema italiano

Tra le massime case del cinema italiano – e tuttora in attività – la Titanus è la più longeva (e tra le più longeve nel contesto mondiale): il fondatore Gustavo Lombardo iniziò l’attività nel 1904, e il figlio Goffredo, a partire dalla morte del padre nel 1951, l’ha condotta attraverso i decenni fondamentali del cinema italiano, superando anche i gravi momenti di crisi produttiva. Negli ultimi anni la Titanus si è concentrata su una produzione televisiva che spesso si riallaccia alla propria tradizione cinematografica. Guido Lombardo, figlio di Goffredo, è oggi il Presidente della Società.

Si tratta di un attraversamento di tutta la storia del cinema italiano, con frequenti interscambi con altri produttori. Talvolta, l’apporto Titanus è stato formalmente solo distributivo, ma anche in questi casi si è trattato spesso di un intervento sul progetto e sulla produzione. Inoltre, la Titanus ha avuto per decenni propri studi cinematografici, propri stabilimenti di doppiaggio e proprie sale, costituendo una filiera che ha interagito ulteriormente con la vicenda complessiva del cinema italiano, e talvolta anche in coproduzioni, soprattutto con Francia e Stati Uniti.

La selezione della retrospettiva ha voluto concentrarsi, con alcuni flashback e flashforward marcanti, sul periodo produttivamente più vivace, dal 1945 al 1965, che viene del resto a coincidere con l’epoca più ricca e vitale di tutto il cinema italiano. Si va dall’ultima fase di Gustavo Lombardo, davvero degna di riscoperta, in cui la Titanus si inserisce in parte nel neorealismo, al passaggio di consegne tra padre e figlio, che trova delle autentiche pietre miliari nei grandi melodrammi di Matarazzo con Sanson e Nazzari, anche come metafore della vicenda familiare della casa, all’attraversamento degli anni ‘50 con generi e “serie” cui partecipano grandi registi come Mastrocinque, Comencini, Bragaglia, Risi, De Santis, Lattuada, Pietrangeli, e occasionalmente Rossellini, Antonioni e Fellini. Verso gli anni ‘60 la casa si orienta al lancio di un nuovo cinema d’autore, intercettando e rivelando la grandezza di Zurlini, Olmi, De Seta e altri giovani registi.

Infine Lombardo coinvolge Visconti come l’autore più emblematico di una casa il cui marchio sembra già evocare aspirazioni “gattopardesche”, e che trova oggi nel Pardo locarnese un felice approdo.

La retrospettiva, intrecciando film rari e altri già noti ma ugualmente da riscoprire, propone infine un superamento della biforcazione tra cinema di genere e d’autore, con innesti di film di Freda, Bava, Tourneur, Ulmer, Corbucci, Fizzarotti... in cui si rilanciano quei valori di “mise en scène” di cui Matarazzo è maestro.

Sergio M. Germani
Roberto Turigliatto

La retrospettiva, sostenuta per il secondo anno dalla Posta Svizzera, è organizzata in collaborazione con la Cineteca di Bologna, depositaria del Fondo Titanus, il Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale, coeditore del volume, l’Istituto Luce Cinecittà e la Cinémathèque suisse di Losanna.
Numerose le istituzioni europee e americane che riprenderanno il programma: la Cineteca di Bologna, la Cineteca Nazionale, il Museo Nazionale del Cinema di Torino, la Cinémathèque suisse, Les Cinémas du Grütli di Ginevra, il Filmpodium di Zurigo, la Film Society of Lincoln Center di New York, l’American Cinematheque e la USC School of Cinematic Arts di Los Angeles.

Tra gli ospiti della retrospettiva vi saranno Dario Argento, che introdurrà la proiezione del suo primo lungometraggio, L’uccello dalle piume di cristallo, l’attrice e cantante Rita Pavone, che presenterà invece Non stuzzicate la zanzara di Lina Wertmüller, e l’attrice Eleonora Brown, che introdurrà La ciociara e Amore mio.

Parallelamente alle proiezioni dei film, il pubblico del Festival potrà assistere a una tavola rotonda sul cinema della Titanus coordinata da Sergio M. Germani e Roberto Turigliatto, che avrà luogo martedì 12 agosto alle ore 10:00 presso lo Spazio Cinema (Forum). All’incontro parteciperanno Bernard Eisenschitz, Gian Luca Farinelli, Chris Fujiwara, Miguel Marias, Emiliano Morreale e Simone Starace.

Per l'occasione le Edizioni Sabinae hanno realizzato il volume Titanus. Cronaca familiare del cinema italiano, in collaborazione con il Festival di Locarno e il Centro sperimentale di cinematografia – Cineteca nazionale. La pubblicazione, in versione bilingue italiana e inglese, raccoglie testi di documentazione e critici ed è curata da Sergio M. Germani, Simone Starace e Roberto Turigliatto.
 

TRAPPOLA di Eugenio Perego – Italia – 1922 – 58 min.

CASA MIA, DONNA MIA... di Charles Krauss – Italia – 1923 – 64 min.

LA CARNE E L’ANIMA di Vladimir Strizhevsky – Italia – 1945 – 83 min.

GIORNI DI GLORIA di Giuseppe De Santis, Marcello Pagliero, Mario Serandrei e Luchino Visconti – Italia/Svizzera – 1945 – 72 min.

CRONACA NERA di Giorgio Bianchi – Italia – 1947 – 90 min.

LO SCIOPERO DEI MILIONI di Raffaello Matarazzo – Italia – 1947 – 84 min.

LA MADONNA DI POMPEI A NAPOLI – anonimo – Italia – 1948 – 11 min.

MARIA DENIS E LE SUE PRIGIONI – anonimo (attribuito a Giorgio Bianchi) – Italia – 1948 – 9 min.

CATENE di Raffaello Matarazzo – Italia – 1949 – 91 min.

PROSSIMAMENTE…TITANUS - UNA STORIA LUNGO I TRAILERS – Italia – 60 min.
A cura della Fondazione Cineteca di Bologna

TORMENTO di Raffaello Matarazzo – Italia – 1950 – 93 min.

I FIGLI DI NESSUNO di Raffaello Matarazzo – Italia/Francia – 1951 – 92 min.

IL TALLONE DI ACHILLE di Mario Amendola e Ruggero Maccari – Italia – 1952 – 83 min.

ATTANASIO CAVALLO VANESIO (Trailer) di Camillo Mastrocinque – Italia – 1953 – 5 min.

PANE AMORE E FANTASIA di Luigi Comencini – Italia – 1953 – 92 min.

SIAMO DONNE di Gianni Franciolini, Alfredo Guarini, Roberto Rossellini, Luchino Visconti e Luigi Zampa – Italia – 1953 – 101 min.

IL SOLE NEGLI OCCHI di Antonio Pietrangeli – Italia – 1953 – 101 min.

MADDALENA di Augusto Genina – Italia/Francia – 1954 – 103 min.

PANE AMORE E GELOSIA di Luigi Comencini – Italia – 1954 – 98 min.

SCUOLA ELEMENTARE di Alberto Lattuada – Italia – 1954 – 100 min.

LA SPIAGGIA di Alberto Lattuada – Italia/Francia – 1954 – 102 min.

TORNA! di Raffaello Matarazzo – Italia – 1954 – 98 min.

L’ANGELO BIANCO di Raffaello Matarazzo – Italia – 1955 – 100 min.

LE AMICHE di Michelangelo Antonioni – Italia – 1955 – 105 min.

IL BIDONE di Federico Fellini – Italia/Francia – 1955 – 112 min.

UN EROE DEI NOSTRI TEMPI di Mario Monicelli – Italia – 1955 – 89 min.

POVERI MA BELLI di Dino Risi – Italia/Francia – 1956 – 101 min.

TOTÒ LASCIA O RADDOPPIA? di Camillo Mastrocinque – Italia – 1956 – 90 min.

UOMINI E LUPI di Giuseppe De Santis – Italia/Francia – 1957 – 97 min.

I VAMPIRI di Riccardo Freda – Italia – 1957 – 81 min.

TUPPE TUPPE, MARESCIÀ! di Carlo Ludovico Bragaglia – Italia – 1958 – 94 min.

LA BATTAGLIA DI MARATONA di Jacques Tourneur e Bruno Vailati – Italia/Francia – 1959 – 84 min.

ESTATE VIOLENTA di Valerio Zurlini – Italia/Francia – 1959 – 98 min.

I MAGLIARI di Francesco Rosi – Italia/Francia – 1959 – 116 min.

ANONIMA COCOTTES di Camillo Mastrocinque – Italia/Francia – 1960 – 107 min.

DOLCI INGANNI di Alberto Lattuada – Italia/Francia – 1960 – 91 min.

ANTINEA, L’AMANTE DELLA CITTÀ SEPOLTA di Frank Borzage, Giuseppe Masini e Edgar G. Ulmer – Italia/Francia – 1961 – 88 min.

BANDITI A ORGOSOLO di Vittorio De Seta – Italia – 1961 – 98 min.

LA CIOCIARA di Vittorio De Sica – Italia/Francia – 1961 – 101 min.

LA RAGAZZA CON LA VALIGIA di Valerio Zurlini – Italia/Francia – 1961 – 121 min.

CRONACA FAMILIARE di Valerio Zurlini – Italia – 1962 – 107 min.

I GIORNI CONTATI di Elio Petri – Italia – 1962 – 98 min.

LA LEGGE DELLA TROMBA di Augusto Tretti – Italia – 1962 – 85 min.

LA CORRUZIONE di Mauro Bolognini – Italia/Francia – 1963 – 82 min.

I FIDANZATI di Ermanno Olmi – Italia – 1963 – 77 min.

LA FRUSTA E IL CORPO di Mario Bava – Italia/Francia – 1963 – 87 min.

IL GATTOPARDO di Luchino Visconti – Italia/Francia – 1963 – 185 min.
(Piazza Grande)

IL GIORNO PIÙ CORTO di Sergio Corbucci – Italia – 1963 – 91 min.

AMORE MIO di Raffaello Matarazzo – Italia – 1964 – 95 min.

IL DEMONIO di Brunello Rondi – Italia/Francia – 1964 – 100 min.

NON STUZZICATE LA ZANZARA di Lina Wertmüller – Italia – 1967 – 103 min.

L’UCCELLO DALLE PIUME DI CRISTALLO di Dario Argento – Italia/ex Repubblica federale tedesca – 1970 – 96 min.

LA PRIMA NOTTE DI QUIETE di Valerio Zurlini – Italia/Francia – 1972 – 130 min.

BUON NATALE BUON ANNO di Luigi Comencini – Italia/Francia – 1989 – 105 min. 

L’ULTIMO GATTOPARDO di Giuseppe Tornatore – Italia – 2010 – 100 min.

Link utili

Follow us