News del Locarno Festival
 

Citazioni “Ventos de Agosto”

Citazioni “Ventos de Agosto”

Condividi:

Gabriel Mascaro, regista
“Ho iniziato a viaggiare lungo la costa a sud-est del Brasile, dove ho visto una serie di case distrutte e un cimitero vicino al mare che mi ha colpito molto. Mi ha fatto pensare a come i cadaveri creino una stretta relazione con gli abitanti di un luogo: ciò mi ha portato a riflettere sul rapporto tra morte e vita.”

“Nel film c’è uno strano personaggio, interpretato da me, che cerca di registrare il suono del vento. Per me è un tentativo di lavorare con gli elementi: io vengo dal documentario e in questo film ho cercato sia di raccontare l’impossibile sia di ricostruire la realtà. Comunque non considero documentario e fiction due cose distinte, e lo stesso vale per morte e vita, temi centrali al film: per me rappresentano un’unica entità a cui tento d’avvicinarmi con un approccio convergente.”

“Il sonoro del film è stato completamente rifatto; tutti i personaggi sono tornati in studio a doppiare la propria voce. Volevamo accedere a un nuovo livello di finzione, portando dei non attori a interpretare sé stessi in un grande studio di registrazione.”

“Il personaggio di Dandara non esisteva all’inizio del progetto, l’abbiamo creato durante il processo: doveva rimanere sul set solo due giorni e poi è rimasta venti. Le prime scene sono le più importanti: il dialogo tra lei e la nonna è la prima cosa che abbiamo ripreso.”

Dandara de Morais, attrice
“La donna che impersona la nonna ha iniziato a trattarmi davvero come una nipotina: passavo tutta la giornata con lei e ascoltavo le sue storie. Abbiamo instaurato un bellissimo rapporto.”

Rachel Ellis, produttrice
“Questo film è stato fatto da sei persone: abbiamo lavorato insieme a sviluppare la sceneggiatura e cercato di unire un approccio da fiction e da documentario. È stato un processo creativo davvero fantastico per tutti quelli che vi hanno partecipato. Il montaggio poi è stato un processo molto lungo, durato un anno e mezzo e a cui hanno lavorato due persone.”

Sara Groisman

Follow us