News del Locarno Festival
 

Tutta l’energia dell’acqua ticinese

Tutta l’energia dell’acqua ticinese

Condividi:

Anno dopo anno, l'impegno assunto dal Festival del film Locarno per assicurare una manifestazione a impatto ambientale neutro prosegue e si arricchisce di nuovi partner, progetti, collaborazioni. E idee, che si diffondono con la forza dirompente di un fiume. Tra le più meritevoli d'attenzione, infatti, ce n'è una che porta l'acqua ticinese a esser trasformata in energia elettrica: il suo nome è tìacqua, un'innovazione a cui sta già facendo capo oltre l'80% delle economie domestiche del cantone.

Anche la macchina organizzativa del Festival ha così deciso di aderirvi e da quest'anno – su iniziativa dell’Azienda Elettrica Ticinese (AET) e della Società Elettrica Sopracenerina (SES) – può avvalersi di una fonte (meglio: una sorgente) d'energia a chilometro zero, prodotta al 100% con flutti ticinesi. Una soluzione che da quest'anno costituirà la fornitura standard per le economie domestiche delle maggiori aziende di distribuzione del Cantone.

L'impegno e il supporto di AET – che oltre a essere uno dei quattro storici sponsor principali del Festival è anche il maggior produttore di energia elettrica del Cantone – e di SES – fornitore ufficiale di energia della kermesse – sono frutto di concretezza e determinazione. Quelle che spingono il Festival a offrire una manifestazione sempre più a tinte verdi, quelle che coinvolgono i partner ad accogliere l'invito a ridurre le emissioni di anidride carbonica. Un'impresa che, grazie a tìacqua e alla sua energia ecosostenibile, da quest'anno si farà eco sensibilmente più semplice.

Mattia Bertoldi
Link utili

Follow us