News del Locarno Festival
 

Il mondo fuori dal cratere

Il mondo fuori dal cratere

Condividi:

Se i vulcanologi del mondo intero hanno gli occhi puntati su quanto si agita sotto la superficie del Vesuvio, il vulcano più studiato al mondo, Gianfranco Pannone sceglie di fornirci una ricca quanto affascinante immagine della sua superficie. Diversi gli angoli di ripresa e gli approcci, che s’intersecano come le linee di un racconto che contamina il piano orizzontale della geografia con quello verticale della storia.

Nella fotografia di Tarek Ben Abdallah, fedele compagno di viaggio di Pannone, capace di individuare sofisticate geometrie tra i vari piani di un paesaggio tra i più belli al mondo, le diagonali del vulcano sono evidenziate dalle sagome degli escursionisti che piccoli si stagliano ora sulla pianura, ora sulla città, ora sul blu del mare sottostante. Questa stratificazione di colori allude al progetto del film. Sul vulcano è infatti una pellicola dalla struttura vertiginosa: ai ritratti di un’umanità singolare che cerca di vivere e di lavorare in una delle regioni più densamente popolate del mondo sono associate le fantastiche sequenze dell’eruzione del ’44 e passi della letteratura che sul Vesuvio è fiorita. Tentativo di restituire la ricchezza di un luogo con la sovrabbondanza di materia, Sul vulcano è un film che va oltre la concezione classica del documentario per offrirsi come un’opera totale.

Carlo Chatrian

Follow us