News del Locarno Festival
 

Cinefilia prêt-à-porter

Esempi di borse Di Salvo

Condividi:

© Michela Di Savino

Portare il cinema sempre con sé: è il desiderio di molti appassionati della settima arte, ed è proprio a loro che ha pensato Martina Piazza nel progettare una particolare linea di borse per il suo brand MeSsie Design.

Realizzate utilizzando pellicole cinematografiche intrecciate, queste borse cinéphile si iscrivono appieno nei principi del marchio: “La nostra è una filosofia legata alla conservazione degli oggetti smarriti.

Il nome MeSsie è quello di una patologia che si manifesta nell’incapacità di buttare qualcosa”.

Martina Piazza progetta quindi accessori (astucci, pochette, portafogli…) recuperando materiali scartati (dai dentifrici agli imballaggi, passando, appunto, per le pellicole). Normalmente vendo i miei prodotti a Milano, ma quest’anno li ho portati per la prima volta a Locarno”.

L’occasione è il 35° anniversario della pelletteria Di Salvo, che in occasione del Festival ha invitato la designer italiana a esporre le sue creazioni nella propria corte. “La mia famiglia si occupa del negozio dal 1980”, racconta il proprietario, Corrado Di Salvo. “Dal 2000 lo gestiamo io e mia moglie Elena.

Abbiamo attuato una decisa ristrutturazione, optando per un passaggio da prodotti d’artigianato a marchi importanti di pelletteria, e diventando così un punto di riferimento importante per il Sopraceneri”.

Le borse sono esposte nella pelletteria fino a giovedì 13 agosto; mercoledì 12 alle 17 avrà luogo il finissage della mostra, che nella corte del negozio ospiterà, oltre ai prodotti MeSsie, un’istallazione dell’artista Nephos e le birre selezionate di Rud Bir.

Sara Groisman
Link utili

Follow us