News del Locarno Festival
 

Côté: "Locarno è come tornare a casa"

Ta Peu si lisse - Concorso internazionale

Côté: "Locarno è come tornare a casa"

Condividi:

Denis Côté, lei ha sempre lavorato sia nella fiction, sia nel documentario. Qual è la differenza tra questi due modi di raccontare?

Non faccio grosse distinzioni. Il documentario è l'arte del reale. La fiction è solo un'altra maniera per cercare autenticità ed emozioni tangibili. Dico molte bugie quando giro, distorcendo la “realtà” quotidiana, e sono in cerca della realtà quando lavoro con gli attori.

 

Come mai ha scelto di realizzare Ta Peau si lisse, un film sul mondo dei bodybuilder?

Sono stato a lungo in contatto con uno dei protagonisti, Benoit. È un personaggio eccentrico, eccessivo. Volevo seguire lui, ma il progetto è diventato più ambizioso. Ho problemi di salute da più di dieci anni e ho visto questo progetto come una maniera per avviare un dialogo inconscio con il mio corpo. È un film su persone che coltivano una passione ed è stato facile innamorarsene.

 

Com'è stato l'incontro con i personaggi che hai deciso di seguire?

Direi interessante. Tra loro, molti hanno come primario interesse... sé stessi! Non hanno familiarità con il cinema indipendente e ci è voluto del tempo per farli appassionare al progetto. Non sapevano, o non capivano, cosa volessi fare. Ho detto loro che cercavo una prospettiva più intima di ciò che fanno, attraverso un approccio molto artistico. Dopo un po' c'era fiducia reciproca ed era l'unica cosa che importasse.

 

Locarno ha un rapporto particolare con il cinema del Québec. E lo stesso vale per lei, avendo vinto due volte il Pardo d'oro per la miglior regia (nel 2008 con Elle veut le chaos e due anni dopo con Curling). Ora è di nuovo qui. Come si sente?

Non vorrei sembrare banale, ma dovrò esserlo. È quasi come tornare a casa. Non ho pressioni. So che il mio cinema è ben compreso e accolto a Locarno. Sono felice che il Festival sia ancora un forte punto d'incontro cinefilo. Abbiamo il dovere di proteggere realtà creative come questa.

Lorenzo Buccella
Link utili

Follow us