News del Locarno Festival
 

What Happened to Monday?

Piazza Grande

What Happened to Monday?

Condividi:

Nel 1957 viene pubblicato il romanzo di esordio di un giovane autore che sarebbe diventato uno dei più grandi scrittori di fantascienza di sempre. Master of Life and Death il titolo, Robert Silverberg lo scrittore. In un futuro distopico, la sovrappopolazione sulla Terra costringe l’umanità a scelte radicali. Cercare nuovi pianeti abitabili, ma soprattutto decidere quali bambini lasciare in vita, prevedendo l’aspettativa e la qualità della loro vita. “Un giorno saremo troppi” è comunque una delle suggestioni più usate nella narrazione sci-fi, basti pensare al meraviglioso Soylent Green di Richard Fleischer, e da questo assunto parte anche Tommy Wirkola per raccontare la singola vita delle sette sorelle interpretate da Noomi Rapace. In un mondo in cui non si può avere più di un figlio, la natura fa il suo corso e viene assecondata dal nonno Willem Dafoe che addestra le sue nipoti a sopravvivere collettivamente, ingannando il sistema. Dalla domenica al sabato, sette personalità e abilità che sfidano l’ordine costituito, rappresentato da Glenn Close che torna in Piazza Grande a un anno da The Girl with All the Gifts e in un ruolo non dissimile.

What Happened to Monday? è un film dalla grande azione, ma soprattutto, funzione fondamentale della fantascienza, fa riflettere sul domani di un’umanità che è sempre più vicina all’essere ciò che per anni abbiamo letto nei classici. Tornare sulla Luna è il primo passo, la terraformazione della saga di Fondazione di Asimov una breve passeggiata più avanti. Dietro l’angolo invece ci sono la connessione perpetua e i chip sotto pelle, la dittatura dei social, i cibi da laboratorio per soddisfare le capricciose richieste della società capitalistica. “Il futuro è adesso”, si usa dire. Ma è il passato che ci salverà.

Alessandro De Simone
Link utili

Follow us