News del Locarno Festival
 

Appuntamento con Leo

"Liberty" in Piazza Grande

Condividi:

© Locarno Festival
© Collection Cinémathèque suisse. Tous droits réservés ou, en anglais, Collection Cinémathèque suisse. All rights reserved

Daan van den Hurk playing at GranRex

Condividi:

© Locarno Festival
Previous Next

Il fascino di una retro è così: nasce nel passato, sboccia nel presente e vive nel futuro. Se poi l’oggetto del suo racconto è Leo McCarey e con lui gente come Stan Laurel e Oliver Hardy, ecco che il suo futuro si annuncia lungo e internazionale. La retrospettiva di Locarno71 dedicata a uno dei grandi uomini della Hollywood che fu non ha avuto un minuto di pausa. Per lei il Festival non è mai finito e continua a cavalcare, di buio in sala in buio in sala, portando l’occhio di Locarno a spasso per i luoghi del cinema europei.

Indubbiamente, nel solco della forte tradizione delle retrospettive del Locarno Festival, il programma dedicato a Leo McCarey è stato uno dei grandi protagonisti di Locarno71. Lui ha innescato l’edizione la notte del 1 agosto, con l’indimenticabile proiezione di Liberty, musicata dal vivo in Piazza Grande da Zeno Gabaglio e Brian Quinn in collaborazione con il LAC, e lui ha tracciato il percorso infallibile di oltre cento pellicole proposte, tra corti e lungometraggi, e amate dal pubblico, anche grazie al meraviglioso accompagnamento dal vivo di Daan van den Hurk.

Quindi, chiusa e salutata Locarno71, la retrospettiva ha immediatamente iniziato a vivere di vita propria, vuoi sulle pagine del volume monografico edito Capricci, vuoi dove il cinema ama vivere: in sala. Nei giorni immediatamente successivi alla serata finale in Piazza Grande ha abitato il Filmpodium di Zurigo. Nella sala zurighese ha vissuto nella seconda metà di agosto per poi migrare oggi e fino a fine mese, sulla traccia proprio del programma del Filmpodium, al Rex di Berna. A settembre a celebrare l’occhiata sul passato del Festival è stata invece la Cinématèque Française, partner del Locarno Festival, che l’ha interamente riproposta per tutto il mese. Ma non finisce qui. Leo McCarey, il suo intuito comico, cinematografico e imprenditoriale, le sue creature, i suoi tre Oscar e la sua complicità con personalità come Ingrid Bergman, Bing Crosby, Paul Newman o Cary Grant sono infatti proprio in questi giorni ospiti della Cinématèque suisse, altro partner importante del Festival, che fino a fine mese vivrà la retrospettiva di Locarno71 facendole vivere un autunno da protagonista prima di un inverno che ha già in calendario molti altri appuntamenti. Tutti, ovviamente, con il sig. McCarey.

Link utili

Follow us