10 anni di Open Doors: Porte aperte sul cinema dal mondo

10 anni di Open Doors: Porte aperte sul cinema dal mondo

Condividi:

In occasione del 10° anniversario della sezione Open Doors e nel contesto della collaborazione con la Città di Bellinzona, Porte aperte sul cinema dal mondo, ciclo di film e conferenze, si propone di creare un ponte con Bellinzona e con il pubblico che è interessato al cinema dal mondo.
Gli eventi avranno luogo giovedì 25 ottobre, 9 novembre e 13 dicembre presso la Biblioteca cantonale di Bellinzona.

Con il sostegno della Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC) del Dipartimento federale degli affari esteri, la sezione Open Doors, che ogni anno coinvolge una regione diversa, mira ad aiutare e mettere in luce i registi e i produttori di paesi del Sud e dell’Est del mondo il cui cinema indipendente è fragile. Il laboratorio di coproduzione ha lo scopo di mettere in contatto i professionisti della regione prescelta con potenziali partner, soprattutto europei, al fine di favorire il sostegno necessario alla realizzazione dei progetti selezionati.
Sull’arco dei 10 anni della sezione molti progetti presentati sono diventati film di successo selezionati in grandi Festival, come ad esempio Winter Vacation di Li Hongqi presentato a Open Doors 2009 e vincitore del Pardo d’oro l’anno successivo, Jean Gentil di Israel Cardenaz e Laura Guzma presentato a Open Doors 2008 e successivamente selezionato al Festival di Venezia o El Vuelco del Cangrejo di Oscar Ruiz Navia presentato al Festival di Berlino nel 2010.

I tre incontri di Porte aperte sul cinema dal mondo coronano da una parte la collaborazione iniziata nel 2008 tra il Festival e la Città di Bellinzona, che dal 2011 partecipa al finanziamento del premio Open Doors assegnato ogni anno dalla giuria ai progetti vincitori a conclusione dei quattro giorni di laboratorio. Dando uno spazio a Open Doors, Bellinzona permette al Festival del film Locarno di incontrare il pubblico oltre gli undici giorni di agosto. D’altra parte le tre serate cinema permetteranno al pubblico di scoprire film altrimenti difficilmente accessibili, tutti particolarmente rappresentativi della sezione Open Doors.

Giovedi 25 ottobre Aujourd’hui di Alain Gomis concluderà l’edizione Open Doors 2012, dedicata all’Africa francofona subsahariana. La serata sarà introdotta da Carlo Chatrian, neo Direttore artistico del Festival del film Locarno. Gli altri due film (Winter Vacation di Li Hongqi e Fix Me di Raed Andoni) sono stati invece scelti per la loro qualità tra i progetti delle edizioni precedenti di Open Doors, diventati film anche grazie all’attività della sezione.
Le proiezioni saranno introdotte da Michele dell’Ambrogio (Circolo del Cinema di Bellinzona).

Ogni serata sarà accompagnata da una conferenza legata alla tematica del film.
In occasione dell’incontro dedicato all’Africa francofona subsahariana (25 ottobre) Oumar Ndao, professore di Letteratura comparata (Dakar), discuterà del concetto di “tempo africano” con Graziano Martignoni (psichiatra, Comano), Fabio Merlini (filosofo, Locarno) e Franco Zambelloni (filosofo, Chiasso).

Il secondo incontro, giovedì 9 novembre, si concentrerà invece sulla tematica della “noia”. Pino Boero, professore di Letteratura per l’infanzia (Genova), affronterà il tema assieme a Fabio Merlini (filosofo, Locarno) e Paolo Martini (antropologo, Bellinzona).

Durante l’ultima conferenza, giovedì 13 dicembre, Gianluca Grossi (reporter indipendente, Bellinzona) presenterà la problematica dell’“identità” nella società palestinese insieme a Roberto Malacrida (medico, Bellinzona) e Graziano Martignoni (psichiatra, Comano).

La locandina dell’evento è scaricabile qui.


Ufficio stampa
66° Festival del film Locarno
7-17 | 8 | 2013
Via Ciseri 23 | CH-6601 Locarno
tel +41 91 756 21 21 | fax +41 91 756 21 49
press@pardo.ch | www.pardo.ch

Link utili

Follow us