Alliance For Development

Alliance For Development

Condividi:

 

Alliance For Development, una nuova iniziativa degli Industry Days di Locarno, è una piattaforma che collega quattro paesi (Francia, Germania, Italia e Svizzera) e facilita lo sviluppo di progetti coprodotti, in stretta collaborazione con i tre differenti fondi di co-sviluppo tra Francia (CNC) e Italia (MiBACT), Germania (FFA) e Italia, così come nell’imminente fondo tra Francia e Germania.

Alliance For Development (AFD, 8 – 10 agosto) è un progetto pilota lanciato dal Festival e dal suo Industry Office grazie al sostegno dell'Ufficio federale della cultura (UFC, Svizzera) nel contesto delle misure compensatorie del programma MEDIA, dal Centre du cinéma et de l’image animée (CNC, Francia), dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo (MiBACT, Italia) e della Filmförderungsanstalt (FFA, Germania).

Lo scopo è di incoraggiare il co-sviluppo e le coproduzioni attorno a progetti che offrono la possibilità di sviluppare dei partenariati sul piano creativo e finanziario. L’iniziativa consiste nel proporre 5 progetti – che avranno in gran parte già ottenuto un sostegno finanziario dai fondi allo sviluppo recentemente creati tra Francia e Italia e tra Italia e Germania – ai professionisti europei presenti a Locarno durante gli Industry Days. Il lancio del nuovo fondo franco-tedesco è previsto entro fine anno.

La Svizzera, essendo un partner naturale per co-produzioni italiane, francesi e tedesche, è il luogo d’incontro ideale per offrire una piattaforma che contribuisca allo sforzo comune di questi paesi per intensificare il co-sviluppo di progetti allo stato iniziale, e coinvolgere così anche l'industria svizzera.

Regista e produttori dei 5 progetti selezionati avranno la possibilità di presentarli durante gli Industry Days, all’interno di Alliance For Development, grazie a un programma di incontri personalizzati con potenziali partner (co-produttori, finanziatori, venditori internazionali e distributori), ma anche grazie alle diverse attività di networking.

Quest’iniziativa non è pensata come un mercato di coproduzione, bensì come un rendez-vous annuale in cui i professionisti provenienti dai quattro paesi possano discutere dei loro progetti, testare al meglio il loro potenziale commerciale e conoscere maggiormente le caratteristiche di ogni territorio – peculiarità artistiche, location e finanziamenti regionali – elementi cruciali per ottimizzare la vendibilità dei progetti nei rispettivi mercati nazionali ed europei. Oltre alle quattro nazioni interessate, l’iniziativa si rivolge anche ai professionisti provenienti da altri paesi, interessati a investire nei progetti (finanziatori, venditori, distributori).

Nadia Dresti, Delegata alla Direzione artistica e responsabile dell’internazionale: “La Svizzera è il paese perfetto per accogliere questa iniziativa lanciata con i nostri paesi vicini, con i quali condividiamo le nostre lingue nazionali. Il profilo dei partecipanti agli Industry Days e la dimensione umana del nostro Festival corrispondono pienamente allo scopo dell’iniziativa, vale a dire trovare nuovi co-produttori o venditori.

I progetti scelti:

CNC – MiBACT: Après la guerre, di Annarita Zambrano; Produttore: Stéphanie Douet
(Sensito Films, Francia)

CNC – MiBACT: Libera Me, di Bruno Urso, Fabrizio Urso; Produttore: Vincent Brançon
(To be continued, Francia)

MiBACT – CNC: L’ospite, di Duccio Chiarini; Produttore: Tommaso Arrighi
(House on Fire, Italia)

FFA – MiBACT: Vivaldi, di Bille August; Produttori: Reinhard Brundig, Nina Frese
(Pandora Film GmbH, Germania)

CNC – FFA: Le garçon au cheval, di Mikaël Gaudin; Produttore: Guillaume Dreyfus
(Année Zéro, Francia)

Press Office
Link utili

Follow us