News from the Locarno Festival
 

Jason Bourne

Piazza Grande

Jason Bourne

Share:

Al confine tra Albania e Grecia vive uno straniero silenzioso, a cui basta un solo pugno per stendere gli avversari. Un solitario sempre tormentato dagli incubi, che ricorda il suo passato ma ancora non ha trovato pace.
Il suo nome è Jason Bourne. 

Nove anni dopo il terzo capitolo, vincitore di tre premi Oscar, il regista Paul Greengrass e la star Matt Damon tornano insieme per una storia epica che parla di sopravvivenza e ricerca della verità. In questo nuovo episodio la spia più amata è costretta a uscire nuovamente fuori dall’ombra dalla sua unica amica, Vicky, la quale ha scoperto che l’Agenzia sta pianificando qualcosa di pericoloso e letale. Di nuovo. Stavolta però si tratta anche di vendetta: chi ha ucciso il padre di Jason prima che il suo reclutamento gli sconvolgesse la mente? E perché?
Girato tra le Canarie, Berlino, Londra e Las Vegas, Jason Bourne prova al pubblico che il franchise è ancora vivo, pulsante e soprattutto estremamente attuale. La controversia più importante del nostro tempo, quella che oppone la sicurezza collettiva alla privacy del singolo, è infatti la parte principale della trama. Lo stile realistico di Paul Greengrass garantisce al pubblico almeno un paio di sequenze d’azione strepitose, soprattutto quella ambientata ad Atene. Dopo tutti questi anni Matt Damon interpreta il suo personaggio iconico con passione e saggezza, supportato da un cast eccezionale: oltre alla confermata Julia Stiles, Jason Bourne aggiunge anche i premi Oscar Tommy Lee Jones e Alicia Vikander, il carisma di Vincent Cassel e una grande promessa come Riz Ahmed, già acclamato in Nightcrawler e nella serie TV della HBO The Night Of.
Dimenticatevi James Bond o Ethan Hunt. L’approccio di Paul Greengrass al franchise di Bourne è oggi più che mai qualcosa di completamente differente, perché l’intrattenimento scaturisce dalla realtà, dallo sguardo al nostro presente. Questo è il motivo per cui Jason Bourne è l’antieroe più amato del cinema americano contemporaneo.

Adriano Ercolani

Follow us