News from the Locarno Festival
 

5 film sulla migrazione

"Marija" – Michael Koch

Share:

"El futuro perfecto" – Nele Wohlatz

Share:

"Zaineb takrahou ethelj" ("Zaineb Hates the Snow") – Kaouther Ben Hania

Share:

"Dormiente" – Tommaso Donati

Share:

"Ta’ang" – Wang Bing

Share:

Previous Next

Ricominciare una vita, vedere un paese con occhi nuovi, riconciliarsi con un passato doloroso: tre movimenti per raccontare la migrazione, un fenomeno che ha da sempre attratto il cinema. Lo straniero è il protagonista ideale della narrazione cinematografica, portatore di quello “sguardo vergine” sul mondo ricercato da ogni regista. In tempi di muri alzati contro i movimenti che attraversano l’Europa e il Medioriente, Locarno è la casa di un cinema coraggioso che prova a ricreare un tessuto tra chi dovrebbe accogliere e chi sta cercando una possibilità per una nuova vita.

 

1. Marija di Michael Koch

In Concorso, Marija è la parabola sull’integrazione difficile: la protagonista, una ragazza ucraina, lavora in un albergo a Dortmund con il sogno di aprire un salone di bellezza. Pronta a tutto pur di realizzare questo progetto, Marija dovrà scegliere se adeguarsi alla dura legge del capitalismo.

 

2. El futuro perfecto di Nele Wohlatz

Xiaobin non sa una parola di spagnolo quando migra con la famiglia in Argentina: sarà un corso di lingua l’occasione adeguata per riflettere sul proprio futuro e sulla possibilità d’integrazione. Un film dai toni rohmeriani, El futuro perfecto è una sofisticata riflessione su come la parola informa il nostro pensiero e le nostre vite.

 

3. Zaineb takrahou ethelj (Zaineb Hates the Snow) di Kaouther Ben Hania

A metà strada tra finzione e documentario, Zaineb takrahou ethelj (Zaineb Hates the Snow) segue con delicatezza la quotidianità di ragazzina tunisina, tra i nove e i quindici anni. In seguito alla morte del padre, Zaineb sarà costretta a confrontarsi con il desiderio materno di trasferirsi in Canada, ma non tutto è bello come le era stato descritto...

 

4. Dormiente di Tommaso Donati

Un uomo custodisce i meandri di un condominio, eppure sembra essere prigioniero della sua routine quotidiana. Il suo permesso di soggiorno è in via di scadenza, i ricordi della patria lontana si allargano fino a inghiottirlo, come la selva oscura dove sceglie di addentrarsi. Dormiente di Tommaso Donati è uno dei Pardi di domani – Concorso nazionale.

 

5. Ta’ang di Wang Bing

Un popolo in eterno cammino: così il documentarista Wang Bing continua a dare voce a una Cina inedita. Gli uomini e le donne sofferenti e instancabili, protagonisti di Ta’ang (presentato tra i Film delle giurie), sono testimoni della voglia di ricominciare a partire dai racconti attorno al fuoco. Storie di sopravvivenza che danno una nuova forza all’intera comunità.

Daniela Persico
Useful links

More info

Jobs
Contacts

Follow us