News from the Locarno Festival
 

Teo-neol (The Tunnel)

Piazza Grande

Teo-neol (The Tunnel)

Share:

Un film che parte come un disaster-movie, sembra poi percorrere la via della commedia satirica, dipana finalmente la sua anima di melodramma per concludersi… ok, niente spoiler.

La forza primaria del cinema di genere che vuole puntare a innalzarsi dallo stesso è da sempre la solidità della scrittura, e Teo-neol (The Tunnel) di Kim Seong-hun lavora proprio su questo elemento primario. La sceneggiatura si rivela fin dalle primissime scene capace di amalgamare toni e suspence con notevole armonia, senza scivolare mai in momenti eccessivamente macchiettistici o al contrario volutamente strappalacrime. Il regista – e autore dell’adattamento del romanzo omonimo di So Jae-won – sceglie coerentemente la via della sobrietà senza però limitarsi nell’inserire da più parti guizzi di comicità sulfurea diretti a una critica nemmeno troppo sotterranea della superficialità degli organi di potere in Corea. Ad aiutarlo nel compito non sempre facile di mantenere questo equilibrio instabile è il protagonista Ha Jung-woo, perfetto nel moderare i momenti più leggeri e sorprendentemente composto in quelli invece in cui il tasso drammatico avrebbe rischiato di travolgere tutto il resto. Ma la forza di Teo-neol non è soltanto nella solidità della storia, ma anche nella finezza con cui si rivela studio di caratteri e relazioni umane. Il rapporto “a distanza” tra il protagonista e sua moglie, interpretata da Doona Bae, è molto specifico nel determinare i rapporti di forza e il flusso di sentimenti all’interno della coppia. Kim Seong-hun li adopera per determinare almeno un paio di svolte narrative che in questo modo si caricano di forza emotiva. Ma la vera sorpresa è il rapporto di empatia che si sviluppa tra l’uomo sepolto sotto le macerie e il capo dei soccorsi Oh Dal-su, che mai diventa amicizia retorica ma al contrario esplicita al meglio il sodalizio emozionale dei due uomini. Un piccolo indizio che conferma ulteriormente la bontà dell’operazione di Kim Seong-hun.

 

Adriano Ercolani
Useful links

Follow us