News from the Locarno Festival
 

Drei Zinnen

Piazza Grande

Drei Zinnen

Share:

© Rohfilm Productions GmbH

In prima mondiale nella Piazza Grande di Locarno, il dramma d’altura Drei Zinnen, scritto e diretto da Jan Zabeil, trasmette emozioni a fior di pelle e non solo per il suggestivo setting, quello delle Tre Cime di Lavaredo sulle Dolomiti italiane che danno il titolo alla pellicola.

Il secondo lungometraggio del giovane regista berlinese tratta in maniera quantomeno originale un argomento difficile come l'integrazione dei figli provenienti da una precedente unione in una nuova coppia.

Aaron (Alexander Fehling) e la fidanzata Lea (Bérénice Bejo) sono in vacanza tra i monti assieme al figlio di lei, il piccolo Tristan di otto anni (Arian Montgomery). Tra Aaron e Tristan c’è complicità, affetto, ma anche distanza e sospetto. Nonostante i due anni di relazione con Lea, il ruolo di Aaron non è ancora chiaramente definito – sta diventando un secondo padre per Tristan, oppure rimarrà sempre una entità aliena e conflittuale nei confronti del suo vero padre, che nel film si manifesta noiosamente solo attraverso il trillo di un telefonino?

La tensione psicologica tra i tre personaggi sostiene il film, tra gli alti e i bassi della coppia e i continui tentativi di avvicinamento di Aaron, fino a un epilogo altamente drammatico proprio nella suggestione della natura, con echi del grande cinema di montagna.

Girato per quattro settimane a Passo Sella, in Valle Isarco e in Val Pusteria, il dramma diretto da Jan Zabeil (co-prodotto dall’altoatesina Echo) è uno dei due titoli del programma della Piazza Grande ambientati in Trentino, che è infatti la stessa location del film Iceman, in proiezione l'8 agosto.

 

 

Massimo Benvegnú
Useful links

More info

Jobs
Contacts

Follow us