News from the Locarno Festival
 

Finale di partita

Nazidanie – Fuori concorso

Finale di partita

Share:

Basta un filo d’erba, si sa, a cambiare i destini di una partita o di un calciatore. L’imponderabilità del rotolamento, tale da difendere il dio pallone dalle malefatte degli uomini in campo e fuori, riguarda l’idea stessa del punto di vista, quella pura geometria dell’occhio che è il calcio. È semplice: non si può vedere tutto. Chissà se Zinédine Zidane è a questo circuito di visibile e invisibile che si è attenuto quando ha scelto di tirare il calcio di rigore della finale dei mondiali contro l’Italia con la tecnica folle (come solo i geni possono fare: vedi Francesco Totti) del cucchiaio. Chissà se, per le ragioni opposte, ha creduto di passare inosservato quando nella stessa partita ha chiuso la sua carriera con una testata in pieno petto a Marco Materazzi. D’altro canto chissà se il calciatore italiano ha visto finalmente nella destrezza di quel colpo subìto la possibilità di risarcire la sua carriera dalla lunga serie di irregolarità commesse. Nazidanie di Boris Yukhananov e Aleksandr Shein riformula i fatti di quella notte memorabile in senso quasi metafisico, un inseguimento elettrico delle traiettorie che hanno portato due vite a riunirsi in un unico fatale destino. Se credevate di sapere tutto di quella finale, vedendo questo film scoprirete che la Storia è un’illusione.

Lorenzo Esposito
Useful links

Follow us