EN IT
News from the Locarno Festival
 

Tra luce e suono – LICHT | TON la nuova sigla del Festival

 

L’abbiamo scoperta ieri sera in Piazza Grande ed è stata – è il caso di dirlo – un’illuminazione. Subito prima della proiezione di 2 Guns lo schermo s’è oscurato, attraversato solo da una sottile fessura luminosa che, seguendo una delicata melodia di sottofondo, si è animata e ha preso a vibrare. E tutt’a un tratto suoni e voci hanno preso il sopravvento, riportando a Locarno echi dei grandi film che in 66 edizioni hanno fatto la storia del Festival.

Si tratta della nuova sigla della manifestazione, LICHT  |  TON, che già nel nome svela il fine di fondere luce e suono in un’armonia rivelatrice. Il progetto, nato da un’idea del Direttore artistico Carlo Chatrian, è stato sviluppato da Patricia Boillat ed Elena Gugliuzza di La Boite Visual Art, che da anni collabora col Festival e aveva già realizzato la precedente sigla tanto familiare ai fedelissimi di Locarno. E se in tale progetto l’immagine rivestiva un ruolo centrale, qui è il suono ad essere messo in evidenza: cancellando del tutto il fotogramma e ponendo in primo piano citazioni uditive di alcuni film, fuse dalla musica morbida di Giovanni Venosta ed accompagnate dal nome del regista – unico elemento, salvo la fessura luminosa, a stagliarsi sullo schermo – , la sigla gioca con lo spettatore e lo invita a decifrare lingue, individuare rumori e a proiettare dentro di sé quelle scene che LICHT  |  TON evoca senza mostrare.
 

LICHT | TON       
La Sigla del Festival
Carlo Chatrian's edition

created by: Patricia Boillat & Elena Gugliuzza, La Boite Visual Art
Sound mix: Rolf Büttikofer
Music: Giovanni Venosta
Music mix: Massimo Mariani
Production: La Boite Visual Art

© 2013 Festival del film Locarno

duration: 1'28''
image: DCP | color | 1:1,77
audio: 5.1

Sara Groisman

Follow us