Dalla Svizzera la prima adesione al Dantedì

Nella cornice del Monte Verità di Ascona Marco Solari, Presidente del Locarno Film Festival e Delegato del Comitato direttivo degli Eventi letterari, lancia la prima adesione svizzera all’istituzione di una giornata dedicata a Dante Alighieri in vista del 700° anniversario della sua morte, nel 2021: il Dantedì

Era il 14 settembre 1321 e a Ravenna, di ritorno da un’ambasciata a Venezia, moriva il poeta che compose, citando Jorge-Luis Borges, “il miglior libro mai scritto da un uomo”. A poco più di un anno dal 700° anniversario, sulle colonne del Corriere della Sera è nata l’idea di istituire una giornata in memoria del poeta, il Dantedì. Un’iniziativa che ha ricevuto immediatamente l’appoggio della Società Dante Alighieri, delle maggiori istituzioni culturali italiane, di scrittori, di intellettuali e personalità del mondo della politica del Paese che a Dante diede i natali. Un entusiasmo che ha coinvolto, tra gli altri, anche il traduttore della Divina Commedia dantesca in francese, René de Ceccatty, deciso a sollecitare l’adesione al Dantedì anche da parte di realtà culturali estere.

Al ricevimento organizzato al Monte Verità dal Locarno Film Festival in occasione della visita del Consigliere federale e Ministro della cultura Alain Berset, Marco Solari, Presidente del Locarno Film Festival e Delegato del Comitato direttivo degli Eventi letterari al Monte Verità, ha accolto e appoggiato l’istituzione del Dantedì. Una giornata a cui si auspica aderiscano presto con stessa convinzione e partecipazione altre associazioni culturali della Svizzera, paese in cui la lingua italiana è una delle quattro lingue nazionali.

 


www.locarnofestival.ch

 

Follow us