News  ·  07 | 08 | 2023

Maryna Vroda riscopre le sue radici in Stepne

Vroda torna nel suo paese d'origine per affrontare una storia di perdita, separazione e comunicazione fallita.

© Andrii Lysetskyi

Per il suo nuovo lungometraggio, Maryn Vroda ha scelto di tornare nel suo paese e affrontare una storia di perdita, separazione e comunicazione fallita. Ambientato in un'Ucraina post-sovietica, Stepne è un dramma famigliare con alcuni colpi di scena sorprendenti. Ecco come la regista ha presentato al Locarno Daily il suo nuovo film.

Qual è la parte più impegnativa nel girare un film come Stepne?

Sento sempre molta pressione quando ho molti attori in scena. Alcune scene avevano sfide diverse, come quella dell'incontro o altre più intime. La scena dell’addio, ad esempio, era totalmente diversa nella sceneggiatura, pensavamo che sarebbe stata più efficace se la casa fosse stata vuota, e invece tutti stavano aspettando Anatoliy in cortile. Questo è lo spirito che volevo per questo film, la libertà di scoprire ciò che il set dava a tutti noi. Le sequenze dell'addio e del funerale sono state le più importanti per ottenere il vero mood della storia. Una volta che li ho girati e ho sentito che funzionavano come volevo, sapevo di avere il film.

C'è una sequenza chiaramente più leggera, quasi comica. Come ci ha lavorato?

Non avevo bisogno di aggiungere nulla a quella scena, è reale! Il punto è che la realtà in Ucraina a volte è surreale, forse anche grottesca. L'assurdità dell'uomo d'affari è qualcosa che puoi vedere molto spesso in questo tipo di situazione. Anche l'ambientazione era incredibile, questo vecchio edificio che un tempo era un castello e oggi contiene un mercato sotterraneo. Incredibile, sembra un posto infernale. Mescolare il dramma e la commedia non è stato affatto un compito facile, non sapevo se avrebbe funzionato o meno e sono ancora sorpresa del modo in cui è venuto fuori. Il rischio più grande è che volevo lavorare con attori professionisti ma anche non professionisti. Gli attori hanno un forte background ed ero molto interessata a vedere se potevo realizzare quel lavoro con lo stile documentaristico che volevo per il film. Sono impressionata dal modo in cui c’è stato l’abbinamento alla fine.

Cosa vorrebbe che il pubblico assimilasse di Stepne?

Anche se in superficie sembra una storia di addio, penso che parli di amore e legami forti. Anche la morte non è necessariamente rappresentata in modo triste, fa parte della vita. Volevo mostrare il calore delle persone che sono venute a salutare la vecchia, testimoniando che hanno condiviso molto con lei, il che significa che è impossibile per lei scomparire completamente. D’altra parte, è anche un film che parla di eredità, ciò che la mia generazione ha acquisito da quella più anziana che aveva molti problemi a condividere la sua storia. Attraverso Stepne sento di aver cercato di scoprire di più sul mio paese e sulle persone che hanno vissuto prima di me.

Quanto di sé stessa ha poi messo in questa storia di famiglia e generazioni che lottano per conoscersi?

C'è sicuramente una connessione. Ho provato a criticare alcune questioni sociali nel mio paese. Ho faticato molto a trovare un legame con la mia famiglia: mio nonno non parlava affatto, mio padre era molto silenzioso e non condivideva la sua storia. La mia generazione vuole sentire di appartenere a questo Paese, di possedere un patrimonio che in qualche modo viene negato dagli anziani. Anatoliy non è un combattente, non si interroga troppo su cosa sta succedendo dove è nato e cresciuto. Agisce in un altro modo, cercando una sorta di connessione umana. Vuole sopravvivere in questo mondo complicato.

Adriano Ercolani

Sostieni ora il Locarno Film Festival con una donazione