News  ·  31 | 10 | 2022

"Il nostro Pardo d'oro in un Festival unico"

Tatiana Leite, produttrice di Regra34, racconta la sua intensa storia con il Locarno Film Festival e l'universo Locarno Pro. Tra progetti, storie e soddisfazioni indescrivibili

Julia Murat and Tatiana Leite, director e producer of Rule34, Pardo d'oro at Locarno75

Di Locarno, in pochi anni, è diventata una vera e propria cittadina. Attraverso le vie di Locarno Pro ha scoperto e vissuto progetti, condiviso storie e messo a disposizione la propria esperienza. Fino a quando, il 13 agosto scorso, si è ritrovata in Piazza Grande, con il Pardo d’oro tra le mani. Produttrice di Regra 34, Tatiana Leite racconta il suo lungo e ricco percorso tra le strade di un Festival che considera unico. «Credo che l'unicità del Locarno Film Festival derivi sia dalle scelte di programmazione del festival, che ha sempre selezionato film che apprezzo come cinefilo e programmatore, ma anche il tipo di film che voglio realizzare come produttore, sia dal fatto che la sua anima industry guardi sempre avanti, ai nuovi talenti provenienti da diverse parti del mondo, dedicando diversi programmi alla loro formazione, all'espansione del loro network e allo sviluppo dei loro contenuti. Il Festival è strettamente legato alla mia carriera, fin dall'inizio, quando sono passato dalla programmazione alla produzione. Con il primo film che ho prodotto, Hopefuls, vincemmo un premio in First Look. L'anno successivo invece ho partecipato al programma Match Me!, che mi ha permesso di incontrare più di 45 nuovi possibili partner! Poi, qualche anno dopo, ho presentato in anteprima la mia prima coproduzione minoritaria, A Family Submerged, al Concorso Cineasti del presente, mentre l'anno scorso ho iniziato a collaborare con Open Doors, progetto straordinario. Ho anche avuto modo di conoscere i progetti di Alliance 4 Development.
L'edizione 2022 è iniziata con grande entusiasmo, incontrando i candidati della short list per la nuova Locarno Residency, un verso sogno per i registi esordienti di tutto il mondo! Poi ho incontrato produttori e progetti straordinari a Open Doors, e infine ho presentato il mio ultimo film, Regra 34, in Concorso internazionale. Avere il team del film lì a presentarlo per la prima volta è stato davvero emozionante. La ciliegina sulla torta è stata ovviamente la vittoria del Pardo d’oro: ancora non ho trovato le parole per descriverlo».

Cosa può trovare un giovane professionista a Locarno, e in particolare a Locarno Pro? Cosa si instaura tra i professionisti durante le giornate di Locarno Pro?
«Oserei dire che è il mercato cinematografico più democratico, insieme a quello di Rotterdam, per i giovani professionisti; offre più possibilità di incontrare potenziali partner, provenienti da diversi Paesi e settori, anche per la diversità delle proposte. Possono trovare buoni progetti e presentare i propri in un ambiente meno stressante».

In che direzione sta andando l'industria cinematografica? E il cinema d'autore, ha nuovi spazi o è strettamente legato alla sopravvivenza dei festival?
«È difficile dire oggi in che direzione stiamo andando, soprattutto dopo che siamo stati catturati dal potere degli streamer in un contesto pandemico... Tuttavia, credo che la gente ricomincerà ad andare in sala - in Brasile questo sta accadendo poco a poco - e credo fermamente che il cinema d'autore esisterà sempre. Ma il vecchio mercato cinematografico sta sicuramente cambiando; ancora non abbiamo tutte le risposte».

Perché nel 2022, con la diffusione delle piattaforme, hanno ancora senso i festival e le sale cinematografiche?
«I Festival più che mai hanno un ruolo cruciale nell'educare il pubblico in diverse città del mondo: l'esperienza della sala per molte persone, come me, non può essere sostituita dalla visione di un film a casa».

Può raccontarci il percorso di Regra 34? L'abbiamo percepito come un film corale, il risultato di un "gruppo", di una famiglia...
«Il film è stato inizialmente concepito da Julia, ma è diventato presto parte di un processo collettivo di scambi e discussioni. Non è stato un film facile da realizzare. Il team che lo ha realizzato ha investito molte energie nel processo: gli attori, tutti noi produttori, il DOP, la costumista, e così via... Regra 34 verrà presentato in diversi festival cinematografici in tutto il mondo, in quelli più grandi e prestigiosi, ma anche in alcuni festival più di nicchia, che crediamo possano sollevare discussioni più efficaci. Il film sarà nelle sale brasiliane il prossimo gennaio e sono molto curiosa di vedere come verrà accolto. Non è facile essere una produttrice, una produttrice brasiliana e ancor meno una produttrice brasiliana d'essai; tuttavia, c'è qualcosa che mi spinge a seguire questa strada, almeno per ora. Sento che la mia generazione sta cambiando il vecchio ruolo che i produttori avevano nell'immaginario della gente, i produttori "classici" che si preoccupavano solo dei finanziamenti e dei risultati. Noi lo facciamo perché amiamo il cinema, ci immergiamo negli scambi creativi con i registi e con l'intera squadra, in modo da poter effettivamente contribuire a condividere qualcosa di molto speciale con il pubblico. Nella maggior parte dei casi questo non porta molti riconoscimenti o soldi, ma ci rassicura sul fatto che facciamo ciò che amiamo e in cui crediamo».

 

Sostieni ora il Locarno Film Festival con una donazione