News  ·  08 | 08 | 2023

Baan

Che cos'è la casa? Un'abitazione? Una città o un paese? Una cultura? Una lingua? Una o più persone? Un momento? Un sentimento?

© Uma Pedra

La regista portoghese Leonor Teles esplora questo aspetto in Baan ("casa"), il suo lungometraggio di finzione molto atteso, dopo i cortometraggi Rhoma Acans (2012), Batrachian's Ballad (Orso d'oro alla Berlinale 2016) e Dogs Barking at Birds (Venezia Orizzonti 2019), e il suo lungometraggio documentario Ashore (Cinéma du Réel 2018).

Una direttrice della fotografia i cui credits includono non solo i suoi film, ma anche il film di Cineasti del presente del 2018 di Pedro Cabeleira Verão Danado (Damned Summer) o il dittico della Berlinale del 2023 di João Canijo Bad Living, Teles crea un'atmosfera assolutamente sensuale, sia malinconica che seducente, proprio come il personaggio principale, El, o L. Interpretata da Carolina Miragaia (la cui somiglianza con Teles è quasi inquietante), L sta iniziando la sua carriera in uno studio di architettura rilassato e amichevole a Lisbona. Sembra che abbia rotto - anche se lei stessa non ne è così sicura - con il suo ragazzo. È affascinata, perseguitata da Kay, o K (Meghna Lall), una canadese di origini thailandesi – e quindi un'estranea permanente – alla ricerca di se stessa (e della sua casa?) nella capitale portoghese, dopo un periodo a Londra, mentre l'anima di L spesso sembra cercare se stessa a Bangkok.

Il tempo e lo spazio sono elastici, almeno nella mente di L, saltano costantemente avanti e indietro e raramente sono veramente presenti nello stesso momento e nello stesso luogo del suo corpo. L'atmosfera nostalgica e il senso di percezione frammentata sono esaltati dalla colonna sonora e dal montaggio (Sandra T. e Lívia Serpa, note per Santiago di João Moreira Salles e A Family Submerged di María Alché), creando un flusso discontinuo in cui la cronologia è irrilevante. Baan non parla di una storia ma di uno stato d'animo, un desiderio implacabile; evocazione al posto della realtà presente.

Come gran parte della sua generazione, L si sente persa e sempre sull'orlo della precarietà. Anche K, ma lei risponde in modo più attivo, muovendosi, sperando di trovare qualcosa, cercando di fare la differenza nel mondo che la circonda. Lontana dalla sua famiglia, l'unico contatto intergenerazionale di L è con i proprietari dello studio, una coppia con cinque figli. Particolarmente commovente il suo legame con Julieta (la produttrice del film Filipa Reis), che unisce l'amicizia tra coetanei con l'autorità rispettosa non del capo, ma della donna più esperta che ha già dato. Quando dice a L, senza accenno di condiscendenza, che "il soffocamento non passerà, ma imparerai a conviverci e non morirai", è forse il momento di maggior ottimismo e prospettiva: sopravviverà a questo vortice.

Baan è anche un omaggio al cinema asiatico contemporaneo, con riferimenti espliciti a maestri come Hou Hsiao-Hsien (la fotografia onirica , il dancefloor, la passerella che ricorda Millenium Mambo…) o Wong Kar-wai e la scelta del brano 'Siboney' . Non è forse in certe opere d'arte, come film o canzoni, che a volte ci sentiamo finalmente a casa?

Pamela Biénzobas

Sostieni ora il Locarno Film Festival con una donazione