News  ·  08 | 08 | 2023

Sylvain George sul secondo episodio di "Nuit obscure"

Abbiamo parlato con il regista della differenza tra il considerare un film come una forma chiusa o come un processo che si apre alla contingenza e alla storia.

© Remy Artiges

Un anno dopo aver presentato la prima parte in Concorso internazionale, Sylvain George torna a Locarno con Nuit obscure – Au revoir ici, n'importe où, seconda metà della sua esplorazione di Melilla, enclave spagnola in Marocco che fa da confine tra l'Africa e l'Europa. Ci ha parlato della realizzazione del progetto.

 

Questa è la seconda parte di un progetto più lungo. Come ha trovato il punto di demarcazione tra la prima e la seconda parte?

Nella prima parte ho cercato di presentare la città di Melilla, enclave spagnola in Marocco che è, con la città sorella Ceuta, una delle ultime colonie europee nonché confine terrestre tra Europa e Africa; un luogo estremamente militarizzato dove viene esercitata una maggiore sorveglianza sulle popolazioni principalmente di origine sub-sahariana o nordafricana, costrette, dalla politica dei visti attuata dall'Europa, a optare per pericolosissimi percorsi per attraversare il confine nella speranza di raggiungere l'Europa. Accanto a visioni geopolitiche, ho cercato di mostrare come i giovani adulti marocchini in transito a Melilla, gli “harragas”, cercassero di vincere per raggiungere la loro fine. Nella seconda parte, stringo ancora di più l'attenzione sugli 'harragas' concentrandomi esclusivamente su queste decine di bambini e preadolescenti totalmente abbandonati a se stessi che vagano per la città, cercando di sopravvivere come meglio possono, e prendendo tutto i rischi di salire sui camion e sulle barche in partenza per l'Europa.

 

 

Melilla è una sorta di "zona grigia". Questo ha influenzato l'aspetto dei film?

Senza dubbio. Un'estetica è una costruzione che si afferma e si definisce durante tutto il processo creativo e mobilita sia un background culturale in costante ridefinizione, idee che possono animarci, emozioni e sensazioni vissute dal "lavoro sul campo", sia l'esplorazione dei poteri e delle risorse che il mezzo cinematografico mira a tradurre, perché scendere in campo è essenziale e non un'operazione neutra. Cercare di cogliere e comprendere le necessità della realtà, le diverse problematiche all'opera in un luogo, in una situazione, significa immergersi in un mondo che non si conosce, che non è il proprio, esposto all'ignoto. Il bianco e nero, il gioco sulla velocità dell'immagine, le sovrapposizioni, la costruzione del film in frammenti, ecc., sono alcune delle possibilità che il mezzo cinematografico consente e che consentono di proporre una nuova presentazione della realtà.

 

Quanto sono durate le riprese?

Le riprese di entrambe le parti si sono sviluppate su un triennio compreso tra il 2017 e il 2020, a cui vanno aggiunti soggiorni e sopralluoghi, il primo dei quali risale al 2006, e i successivi al 2015 e 2016. Fin dall'inizio, ho voluto fare un lavoro molto approfondito, paziente, svolto in un arco di tempo consistente, senza però pensare che il film avrebbe finalmente preso questa forma. Questo è avvenuto e si è imposto all'inizio del processo, e in particolare durante il montaggio, anch'esso durato tre anni. Questa è la differenza tra considerare il film come una forma chiusa, o come un processo che si apre alla contingenza e alla storia.

 

Si è sempre interessato alla migrazione. Il soggetto ha influenzato la sua visione del cinema o viceversa?

Credo profondamente nella porosità tra gli esseri e le cose, non penso che esista un dominio dell'esistenza nella sua interezza, un dato campo, qualunque esso sia, che sfugge alle nozioni di spostamento, di attraversamento, come nella migrazione delle forme . Il cinema non fa eccezione e la sua storia dimostra quanto sia stato attraversato da correnti di pensiero diverse e variegate. Sono immagini che circolano e si muovono nella storia. Immagini migranti, in un certo senso.

 

Alcune persone a Locarno potrebbero non aver visto la prima parte. Bisogna averla visto per capire il secondo film?

No, per niente. Così come non si tratta di abbracciare e raccontare in modo esaustivo tutte le situazioni e le realtà incontrate a Melilla, non si tratta di costruire un insieme filmico chiuso e totalizzante, ma piuttosto una forma cinematografica aperta a ciò che lo supera. Sebbene le due parti interagiscano e corrispondano tra loro, sono completamente autonome e possono quindi essere visualizzate indipendentemente l'una dall'altra.

 

Max Borg

Sostieni ora il Locarno Film Festival con una donazione