News  ·  10 | 08 | 2023

"Critical Zone": censura e libertà di espressione artistica in Iran

Abbiamo incontrato il produttore del film per parlare della complessità di fare cinema in Iran.

Come avete girato il film?

 

Ciò che è interessante è che le condizioni e le possibilità che esistevano per il regista hanno giocato un ruolo importante. Diventi creativo quando hai a che fare con situazioni ed elementi imponenti. Ha diviso il film in dieci cortometraggi, ciascuno con la propria produzione e postproduzione e alla fine abbiamo messo insieme il film che vedete adesso. Non in un tempo di ripresa standard, ma durante un tempo molto lungo. La troupe era molto piccola: l'attore principale, il regista, un cameraman e un fonico. Alcune scene in aeroporto sono state girate con una macchina fotografica diversa, una piccola handycam, di nascosto. Quando una famiglia riceve un parente che fa visita dopo molto tempo, a volte filmano l’arrivo; quindi, fingono di essere uno della troupe. Non attira troppa attenzione, ma non puoi girare senza permesso. A volte abbiamo utilizzato false autorizzazioni, altre volte abbiamo corrotto agenti. In un sistema corrotto una scorciatoia è pagare. Direi che l'intera lavorazione è stata come un film di spionaggio. Ali Ahmadzadeh, il regista, ha approfittato di questa adrenalina del cast e della troupe, per raccontare quello che voleva dire come regista.

 

Sina Ataeian Dena, lei ha prodotto Mantagheye bohrani (Critical Zone), ma è anche regista. Dove vive?

 

Vivo a Berlino, ero qui a Locarno nel 2015, presentando Paradise in Concorso internazionale. Dopo di che non ho più messo piede in Iran. Quell'anno il festival ha avuto una retrospettiva sul cinema israeliano e qualcuno ha creato una campagna per boicottare Locarno come festival sionista. I funzionari in Iran mi hanno fatto pressioni affinché mi unissi a questa campagna, cosa che ho trovato stupida, poiché troverei stupido dire che i cineasti iraniani e il governo iraniano sono la stessa cosa. Lo stesso vale per Israele, secondo me. Ho ricevuto troppe minacce.

 

Ha famiglia in Iran?

 

L'avevo allora, ora sono tutti fuori dal paese.

 

Immagino che sia una situazione tesa da quando hanno lasciato l'Iran.

 

Otto anni fa ero molto più giovane, ora ho i capelli grigi per lo stress. E l'unico crimine è il cinema. Viaggiare e visitare nuove persone e luoghi interessanti è una qualità della vita, ma quando è forzata diventa spiacevole. Siamo nati liberi e dovremmo vivere liberi. Questo è anche uno degli argomenti di Ali Ahmadzadeh. Il suo problema principale è la censura, la libertà di espressione artistica.

 

I cineasti in Iran sono una vera comunità?

 

Direi che c'è una connessione, ma l'Iran ha un clima politico molto specifico, ed è molto difficile da spiegare. Ad esempio, il riformismo è qualcosa di buono in Svizzera, perché forse qualcosa deve cambiare. Quindi, quando le persone sentono la parola riforma per l'Iran, pensano che sia qualcosa di buono che dovrebbe essere sostenuto. Ma in un sistema dove il potere è all'interno di un cerchio chiuso, solido, non c'è complessità. Non puoi mai entrare se non hai un'opinione politica islamica. Non c'è modo di riformarlo. La riforma è una grossa bugia, il contesto conta. Il popolo iraniano ha impiegato 40 anni per rendersi conto che non c'è modo di riformare un sistema che giustizia le persone. In primo luogo, le esecuzioni dovrebbero essere interrotte; è una punizione disumana. Tornando alla comunità cinematografica in Iran, è enorme e organizzata e avevano un sindacato molto prima di molti altri paesi. E questo senso di comunità fa paura al sistema. Stanno lentamente diventando più radicali. Qui radicale può avere un significato negativo, in Iran se non sei radicale sei un sostenitore del regime. Stanno lentamente aprendo gli occhi, o forse stanno solo affrontando il fatto che non hai altro modo che la rivoluzione. Ecco perché penso che sia inevitabile che il regime dei mullah crolli, un giorno. È solo una questione di quanto tempo e quanto sangue.

 

 

 

Pensa che la comunità internazionale stia facendo qualcosa per sostenere il cambiamento in Iran?

 

Dividerò radicalmente la società civile occidentale dai politici, che ancora una volta hanno tradito il popolo iraniano. Mentre siamo seduti qui a parlare, loro stanno negoziando per recuperare qualcosa dall'accordo nucleare morto. Stanno vendendo alla gente per strada. La rivoluzione delle donne, della vita e della libertà tornerà in modo più grande. Se capite la società, lo saprete. Quello che voglio dire alla società civile occidentale è che le persone che combattono in Iran condividono i loro stessi valori. Vogliono libertà, diritti umani. Crediamo nella democrazia. Non hanno paura di noi, ma hanno paura di voi. Potete fare pressione sui vostri politici, interrogare i vostri politici e chiedere loro di fermare gli affari sporchi con il regime iraniano.

 

Perché Ali Ahmadzadeh, il regista di Mantagheye bohrani, non è qui a Locarno per sostenere il film?

 

Non poteva ottenere un visto. Un anno fa ha subito molte pressioni, con interrogatori del Ministero della Sicurezza e della Guardia Rivoluzionaria. Hanno saputo del film, gli hanno chiesto di portarglielo, ma ancora oggi rifiuta, come atto di disobbedienza civile. Lo hanno accusato di aver girato un film porno perché qualcuno ha visto una scena erotica non esplicita nel film. Mantagheye bohrani è stato colpito prima della rivoluzione delle donne, della vita e della libertà, ma si vede che la rabbia e la furia in questa società stanno ribollendo. Ad Ali è stata concessa una residenza artistica a Berlino, ed è andato in Turchia, tre giorni dopo Mahsa Amini è stata uccisa e la rivoluzione è iniziata. Ha chiesto il visto al consolato tedesco di Istanbul, ha aspettato tre mesi. L'ultimo giorno ha ricevuto una risposta negativa ed è tornato in Iran. Il suo passaporto è stato preso all'aeroporto ed è stato sottoposto a interrogatorio. Poi c'è stata la cosiddetta pietà pubblica, gli è stato restituito il passaporto, e poi siamo stati invitati a Locarno, che si è offerto di portare Ali fuori dall'Iran prima della conferenza stampa del 5 luglio. Ma il visto è stato nuovamente negato perché, come abbiamo saputo attraverso contatti verbali, la Germania ha segnalato il suo caso. Non potrà mai entrare nella zona Schengen fino a quando non sarà rimossa la segnalazione. Nessun altro paese della zona può dargli un visto. Come nuovo cittadino tedesco, sono così deluso e disilluso. Quel che è peggio è che mentre parliamo di un artista a cui è stato negato di assistere alla prima del suo film, i figli dei mullah vengono curati negli ospedali in Germania. Questo è un peccato. Ma dicono che non c'è la segnalazione.

 

Se non c'è la segnalazione, perché adesso gli viene negato il visto?

 

Due giorni dopo la conferenza stampa del Locarno Film Festival, Ali è stato nuovamente interrogato, è stato inserito nella lista nera e ora non può lasciare l'Iran. Dopo che è stato svelato il segreto che eravamo stati selezionati a Locarno, è stato accusato non solo di aver girato un film senza permesso, ma anche di averlo proiettato senza permesso, perché per questo serve un'autorizzazione specifica. Sembra tranquillo ora in Iran, ma come si dice in persiano "il fuoco è sotto le ceneri". Il fuoco verrà di nuovo in modo più grande, perché abbiamo già attraversato il punto critico. Il regime non vuole mai scendere a compromessi, crede che se lo fa anche solo per un millimetro perderà. Questa è la mentalità della dittatura. Temo che il regime arresterà Ali dopo il Locarno Film Festival.

 

Non pensa che questa attenzione possa essere controproducente per lui?

 

Parlando di come agisce il regime, ho imparato che più sei sotto i riflettori, più sei al sicuro.

 

Mauro Donzelli

Sostieni ora il Locarno Film Festival con una donazione