News  ·  01 | 12 | 2022

La nostra incredibile Academy

Alcuni dei partecipanti e delle partecipanti dell’ultima edizione della São Paulo-Locarno Industry Academy raccontano un’esperienza che sicuramente non dimenticheranno. Professionalmente e umanamente.

Tre giorni, un’Academy e una professione da imparare. Ecco a parole, e per voce dei suoi protagonisti e delle sue protagoniste, il risultato della sesta edizione della São Paulo-Locarno Industry Academy, organizzata in collaborazione con BrLab. « Non credo che sarò mai in grado di descriverla adeguatamente - confessa Caísa Sousa dos Reis Silva -  ma posso dire che è stato uno dei punti di svolta più importanti per la mia carriera, per il modo in cui mi vedo professionalmente e per le mie prospettive, per come potrei inserirmi nel settore in futuro». «Incredibile - aggiunge Jaisia Figueroa Idrogo - è uno dei migliori spazi di formazione a cui abbia partecipato».


Quanto è stato importante ritrovarsi fisicamente insieme?
Ignacio Viejo Gonzáles - «Dopo tutto questo tempo di lontananza credo che desiderassimo un legame fisico; avere l'opportunità di riunirci nello stesso luogo stato importante non solo per la nostra esperienza di apprendimento, ma anche per la nostra salute mentale.»

Joao Saldana - «L'Industry Academy è soprattutto un processo immersivo di riflessione sul panorama della distribuzione audiovisiva. Sebbene gli incontri online siano più "pratici", la vicinanza faccia a faccia porta con sé un'altra dimensione del mercato audiovisivo. Si conoscono le persone al di là dello schermo di un computer. E l'intensità degli scambi durante il programma fa sì che le idee viaggino ben oltre la durata di una conversazione, che potrebbe terminare quando la telecamera del computer si chiude. Potendo conoscere le persone al di fuori delle riunioni del programma, si crea un'intimità più genuina e potenzialmente più interessante, che permette ai progetti di decollare più facilmente. E si creano amicizie che sicuramente andranno oltre l'Industry Academy.»

Maria Nela Lebeque Hay - «Riuscire a guardarsi, ad ascoltarsi, a mangiare insieme intorno a un tavolo, condividendo i nostri progetti professionali, ma anche le nostre storie di vita; è la chiave, qualcosa come "l'ingrediente segreto". La pandemia ha dato una grande lezione all'umanità: non siamo invincibili e dietro ogni progetto professionale ci sono persone.»

 

Cosa significa per un professionista alle prime armi vivere una full immersion come questa?
Ignacio - «Per me ha significato che la Locarno Industry Academy si concentra su quanto si può imparare attraverso l'esperienza e il pensiero critico piuttosto che sui seminari in sé. Mi sembra che Locarno incoraggi la passione e il significato che si celano dietro ogni fase della produzione cinematografica.»

Joao - «Significa uscire dalla zona di comfort. Anche se lavoro con la distribuzione da due anni, sono stato indotto a pensare che il modo di distribuire un film fosse unidimensionale e rettilineo. In realtà, è esattamente il contrario. Per un giovane professionista del settore, rispetto a chi è in giro da molto tempo e si è abituato al processo di distribuzione, questa immersione è una boccata d'ossigeno e una freschezza per sviluppare nuove idee e progetti in un mercato così consolidato nelle sue dinamiche.»

Gustavo de Almeida - «È stata un'esperienza che ha cambiato la mia carriera. Mi ha aperto gli occhi su molti aspetti del settore che forse non conoscevo del tutto e mi ha messo in condizione di discutere con persone di diversa provenienza, in diversi momenti della loro carriera e con diverse prospettive sul panorama dell’industria.»

Maria - «È una grande opportunità di crescita personale e professionale. L'industria audiovisiva è un ingranaggio difficile da raggiungere e questi spazi sono un laboratorio di networking fondamentale per chi, come noi, è relativamente nuovo nel settore. L'esperienza dei tutor ne è un ottimo esempio, perché non solo ascoltano il nostro lavoro, ma propongono anche possibili contatti e alleanze strategiche con altri professionisti del settore che potrebbero avere interessi simili. È un modello che funziona e che vale la pena replicare.»

Nicole Reyes - «È una grande opportunità per incontrare altri professionisti, discutere dei diversi paesaggi dell'audiovisivo e condividere i nostri progetti per il settore. Ho trovato molto pertinente la diversità delle persone selezionate, di età, etnia, provenienza professionale, nazionalità; è stato fondamentale per le discussioni che abbiamo avuto durante e oltre ogni sessione.»

 

Come sta crescendo l'industria cinematografica della regione?
Gustavo - «Lo strumento più importante per la crescita dell'industria cinematografica latina è la ricerca di un pubblico che assomigli a una comunità, con un senso di cultura comune.»

Nicole - «Nella Repubblica Dominicana, il numero di produzioni nazionali aumenta ogni anno, in quantità e qualità. Abbiamo ancora anni di sviluppo per diventare un'industria, ma stiamo passando da un Paese che offre servizi cinematografici a uno che esporta film di qualità e culturalmente rilevanti. I fondi e la preparazione del personale sono sempre un problema molto presente, ma grazie a spazi come questo possiamo conoscere nuove prospettive, considerando ciò che ha funzionato in altri Paesi.»

Jaisia - «Siamo diversi e mi piace che le iniziative di gestione culturale siano una parte importante della nostra industria emergente, insieme allo sviluppo e alla produzione di progetti cinematografici.»

Joao - «Una delle domande principali emerse durante il programma è stata: da dove vengono i soldi? Tante idee incredibili e progetti molto forti, ma come è possibile vivere solo di questo, senza alcun tipo di sicurezza di finanziamento? È difficile dare una risposta univoca, ci sono variabili proprie di ogni Paese; come le forme di incentivazione pubblica, l’attecchimento dello streaming, l’esistenza di un'agenzia di regolamentazione, il rapporto tra pubblico, esposizione e distribuzione… Ad ogni modo credo che il mercato brasiliano e latinoamericano stia maturando. È un mercato circondato da artisti di spicco, nuovi talenti con grandi idee e un grande desiderio di diventare un mercato economicamente e artisticamente autonomo rispetto a quello europeo, che per anni ha avuto uno sguardo feticcio nei confronti della nostra produzione.»

Caisa - «In modo esponenziale, direi. Adesso ci sono diversi elementi di cui possiamo parlare: come la tecnologia accessibile possa aumentare alcuni tipi di storia, o come siano incrementati i corsi, le borse di studio, e gli enti che si concentrano sul cinema. Ma per come la vedo io, i film hanno circolato all'interno dell'America Latina per via pedagogica. Le università, i festival e i centri di ricerca, forse per una recente spinta anticolonialista nell'ambito delle scienze sociali, hanno dato maggiore spazio ai progetti audiovisivi locali.»

 

Quale ricordo ti porti via dell'edizione?
Ignacio - «Mi porto a casa i momenti di amicizia che si sono creati tra i partecipanti. È incredibile quanto si possa condividere e imparare l'uno dall'altro in una settimana. Sapere che stiamo lavorando per avvicinare l'industria cinematografica latina attraverso i legami umani è incoraggiante.»

Gustavo - «La sessione di “terapia di gruppo”, perché è stato il momento in cui ho condiviso per la prima volta in un ambiente "di settore", alcune paure e angosce molto personali nei confronti della mia carriera e dell’industria stessa; è stato molto importante ascoltare dai colleghi le loro esperienze e paure, ci ha fatto sentire più sani e forti per i nostri prossimi passi.»

Nicole - «L'ultima sessione chiamata "terapia di gruppo". È stato un bello spazio di vulnerabilità, per vedere realtà diverse e conoscersi meglio come gruppo. Mi sono sentita molto identificata con ogni storia ed è stato molto emozionante. Alla fine, ogni lavoro che facciamo è fatto di questo, di personale, di ciò che ci ha portato a essere le persone e i professionisti che siamo oggi.  Poter riaffermare che la strada da percorrere è ancora lunga, ma che abbiamo un grande team di professionisti che ci sostengono e credono in ciò che stiamo facendo per cambiare il settore, è molto gratificante.»

Maria - «Ce ne sono così tanti… L'interruzione di corrente durante la sessione con Lidia Damatto, nel bel mezzo della prima partita del Brasile durante la Coppa del Mondo, è stata una sfida alla nostra creatività!  Ma ricordo anche l'incontro con Paula Astorga perché è stata una vera e propria esplosione di conoscenza. Ho potuto constatare che il visivo e il corporale fanno parte di una trasmissione del sapere che in America Latina è molto tangibile, quasi una memoria collettiva che è nel nostro DNA, indipendentemente dalla regione. E ci ha anche ricordato che alla fine, nel nostro campo, siamo grandi creatori di esperienze e il successo o il fallimento di ciò che facciamo dipenderà da questo. Alla fine quel che facciamo lo facciamo per il pubblico.»

Sostieni ora il Locarno Film Festival con una donazione